Loading...

Il workshop

Il workshop nasce dall’ iniziativa dell’Associazione Isola dei Conigli in collaborazione con UNFOLD studio per definire soluzioni progettuali di qualità per la copertura della chiesa romanica sconsacrata presente sull’Isola dei Conigli.
Gli unidici partecipanti, tra studenti e neolaureati di architettura e ingegneria, hanno sviluppato tre progetti per la chiesa seguiti da UNFOLDstudio, docenti e professionisti del settore.
Nel punto più alto dell’isola, immerse nella natura, si trovano le rovine silenziose di una chiesa di epoca romanica. Per lo sviluppo del progetto della copertura, i partecipanti sono stati invitati a considerare il contesto naturalistico del Lago Maggiore, la sinergia tra le  Isole di Brissago e la sistemazione attuale dell’Isola con la sua vegetazione.

Durante il workshop abbiamo formato tre gruppi di lavoro che hanno individuato caratteristiche diverse da approfondire.
- Il primo gruppo ha lavorato su un progetto unitario per la sistemazione esterna, un elenco di piccoli interventi, guidati dalla stessa logica, che rendano coerenti e funzionali gli spazi esterni, in relazione uno con l’altro.
- Il secondo gruppo ha voluto mantenere il carattere delle rovine senza tetto, lavorando per creare una copertura rimovibile che si possa chiudere solo in momenti di necessità.
- Il terzo gruppo ha progettato una copertura permanente in legno, dando una nuova identità alle rovine e trasformandole in spazio polifunzionale per l’Associazione.

Il luogo

Le Isole di Brissago sono immerse in una lussureggiante vegetazione e situate nella parte svizzera del Lago Maggiore, il più grande tra i laghi prealpini situato a cavallo tra Svizzera e Italia.
L'isola più grande, Isola di San Pancrazio, ospita il Parco botanico del Ticino dove sono coltivate circa 1’700 specie di piante provenienti da aree a clima mediterraneo e subtropicale.
L’isola più piccola, Isola di Sant’Apollinare o Isola dei Conigli, è ricoperta di vegetazione spontanea mantenuta allo stato naturale. Ospita la coltivazione delle piante destinate al parco botanico. Sull’isola è inoltre presente una casa, ristrutturata dall’ Associazione Isola dei Conigli, la quale è dotata di un’ ampia sala comune con cucina e due camerate con dieci posti letto e servizi. Nella casa verranno ospitati i partecipanti interessati alla formula residenziale con pernottamento sull’isola.

 

Docenti

arch. EDOARDO MILESI

Esperto in materia di tutela paesistico ambientale, ha conseguito numerose specializzazioni tra le quali ecologia dell’architettura, architettura navale, architettura religiosa e arte dei giardini. Da sempre sostiene che essere architetto significhi occuparsi dell'uomo e della sua vita dei cicli complessi della natura.
La sua architettura, molto influenzata dai grandi maestri dell'architettura moderna, segue l'orientamento della bioarchitettura e la propensione a porsi in continuità con la tradizione costruttiva e con le fonti naturali in un equilibrio tra estetica e forme minimali dettate dalla necessità.
Fonda la Scuola Permanente dell'Abitare, un percorso attraverso la cultura per indagare il concetto di abitare e imparare a trasformare lo spazio in luoghi di relazione per l'uomo. Un incubatore di idee che vive del confronto con discipline e saperi differenti messi in discussione attraverso attività formativa, incontri e progetti editorali.
Nel 2008 fonda la rivista ArtApp "arte cultura nuovi appetiti" della quale è direttore. Dal giugno 2009 è Presidente del Comitato Culturale della Fondazione Bertarelli.

ing. MAURO VISMARA

Laurea nel 2001 in ingegneria civile. Docente SUPSI.
Dal 2001 al 2004 attivo nella progettazione civile di impianti per la produzione di energia. Dal 2003 al 2011 assistente della cattedra di strutture presso l'Accademia di architettura di Mendrisio. Dal 2006 collabora con uno studio d'ingegneria nel Locarnese.

ing. LUIGI VIGEVANO

Dopo la laurea in Ingegneria Aeronautica al Politecnico di Milano nel 1978, e il “Post-Graduate Diploma” presso il Von Karman Institute for Fluid Dynamics (VKI) di Rhode-Saint-Génèse (Belgium) nel 1979, ha trascorso tre anni al VKI in attività di ricerca. Dal 1983 al 1990 ha lavorato come Fluidodinamico Senior presso industrie aeronautiche e del settore energetico nella zona di Milano.
Nel giugno 1990 è entrato a far parte del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano (ora denominato Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali) dove attualmente è Professore Associato e coordinatore del programma di Dottorato in Ingegneria Aerospaziale.
È autore o co-autore di circa 100 contributi a congressi e articoli su riviste internazionali. I suoi interessi di ricerca principali sono attualmente rivolti all’aerodinamica dell’elicottero e alla fluidodinamica computazionale. 

arch. NICOLA BASERGA

Nicola Baserga (Mendrisio, 1970) architetto, si è laureato al Politecnico di Zurigo, è stato docente alla SUPSI di Lugano e a partire da quest’anno è professore invitato presso l’Accademia di architettura di Mendrisio. 
Dopo aver collaborato con vari architetti in Svizzera e all’estero, nel 2005 apre lo studio a Muralto con Christian Mozzetti. Parallelamente alla costante partecipazione a concorsi Nicola Baserga, nei primi anni d’attività, ha affrontato in particolare i temi dell’architettura per la montagna e dell’abitazione mentre più recentemente si è confrontato con l’architettura pubblica. La sua ricerca progettuale, attenta alle proprie eredità culturali e al luogo in cui opera, mira alla radicalità e al contempo all’adeguatezza rispetto delle esigenze di carattere costruttivo. 
Tra le principali opere e i progetti realizzati da Nicola Baserga ricordiamo la Capanna Cristallina in Valle Maggia, la Palestra CPC di Chiasso, le ristrutturazioni delle Case Lamparter e Gabathuler a Orselina, il progetto d’ampliamento del Kunstmuseum di Berna e i tre ponti sul Flaz a Samedan e la casa Minghetti-Rossi a Gordola. Il lavoro dello studio Baserga Mozzetti è stato pubblicato su numerose riviste di settore tra le quali ricordiamo Werk Bauen+Wohnen, Casabella, Archi e nel volume TessinArchitektur, Die junge Generation a cura di Thomas Bamberg e Paolo Pellandini. (Monaco, DVA, 2004). 

arch. SILVAN OESTERLE

Architetto, titolare dello studio ROK di Zurigo. Si occupa in particolare di come il calcolo e la produzione digitale influenzano la progettazione e la realizzazione di architetture. Dopo la laurea all’ETH di Zurigo, ha svolto un ruolo centrale nell’attività di docenza di Gramazio & Kohler, dove era responsabile della didattica e di un progetto di ricerca europeo. È stato docente invitato all’Accademia di Belle Arti di Stoccarda. Svolge regolarmente attività didattica e conferenze presso diverse scuole, tra le quali l’AA a Londra e ACADIA. Dal 2014 insegna Rappresentazione Digitale Avanzata all'Accademia di Architettura di Mendrisio.